Gina Lollobrigida violentata due volte: la rivelazione shock a Porta a Porta

In queste settimane non si fa altro che parlare di molestie sessuali collegate al caso Weinstein che sta creando molto scalpore. Anche Gina Lollobrigida ha preso coraggio e ha deciso di fare alcune rivelazioni molto delicate attraverso un’intervista a Porta a Porta…

“La prima volta ero innocente, non conoscevo l’amore, non conoscevo niente. Quindi era grave. E la persona era molto conosciuta. Avevo 19 anni, andavo ancora a scuola. Della seconda è meglio non parlare…”, ha confessato Gina Lollobrigida a Porta a Porta in merito alle violenze subite da giovane. Delle dichiarazioni che hanno lasciato davvero tutti di stucco, visto che fino ad oggi la Lollo non l’aveva mai rivelato a nessuno. E non solo.

La Lollobrigida non ha mai nemmeno denunciato i due molestatori (uno italiano e l’altro straniero): “Non li ho denunciati per non rivelare una cosa mia, ma erano due cose abbastanza gravi […] Quando la molestia non è molestia, ma qualcosa di più, è un qualcosa che pregiudica il tuo carattere, non la puoi togliere, ti rimane dentro. E le tue azioni sono sempre soggette a questo ricordo. È terribile”.

Eppure solo qualche giorno fa attraverso le pagine de Il Mattino parlava in maniera più distaccata del caso Weinstein che tanto sta facendo discutere nelle ultime settimane. “Perché non lo hanno denunciato subito? […] Le cifre ufficiali sugli stupri sono inferiori a quelle reali […] In molti casi basta dire di no. E se quello insiste e ci va giù pesante c’è una ragione in più per mandarlo al diavolo e finirla lì. Insomma si può reagire. È una questione di scelte. Ma se accetti le avances, poi te ne assumi la responsabilità […] Non si può subire, bisogna difendersi sempre e comunque, è una questione di dignità e di rispetto verso se stessi. Certo, se poi una ragazza pensa di fare carriera in questo modo, prendendo la scorciatoia, sono affari suoi”.

Photo Credits Facebook

Comments

commenti