Adriana Volpe rischia di essere cacciata dalla Rai. Ecco perché

Dopo i brutti trascorsi con Giancarlo Magalli, per Adriana Volpe dopo il danno la beffa. La conduttrice rischia di lasciare la Rai, ecco perché il suo contratto è a rischio.

Dopo la polemica di qualche tempo fa contro il collega Giancarlo Magalli, per Adriana Volpe non è stata certamente vita facile. Adesso però per la conduttrice arriva una nuova grana, a quanto pare rischierebbe il posto di lavoro in Rai. “Lavorare in questo clima non è facile – racconta Adriana Volpe in n’intervista a Libero Quotidiano -. Io cerco sempre di dare il massimo per il pubblico, per chi scrive questo programma e per chi lavora in redazione e dietro le quinte”. Nonostante questo però, la Volpe non vorrebbe perdere il posto che attualmente sarebbe a rischio.

Il mio contratto scade il 26 maggio e spero che, dopo 20 anni di lavoro, la Rai me lo rinnovi. A fronte di professionalità e buoni ascolti ci conto soprattutto perché, dopo quanto accaduto, non vorrei essere messa da parte”. A quanto pare la conduttrice ancora non avrebbe avuto nessuna conferma sul suo futuro, di solito arrivati vicini alla scadenza la conduttrice sapeva già se sarebbe stata rinnovata oppure no: “Ufficiosamente sì. Invece quest’ anno tutto tace. Credetemi, se non dovessi essere riconfermata sarebbe una ferita al cuore”.

A quanto pare il mancato rinnovo secondo la Volpe potrebbe essere proprio per quanto accaduto con Magalli: “Beh sì, e non vorrei passare io come un “personaggio scomodo” solo perché ho deciso di difendere il mio ruolo di donna e conduttrice”. Sul rinnovo di Magalli invece spiega: “Non lo so. E non sarebbe un problema per me. Forse lo sono io per lui. Le conduttrici che sono state al suo fianco non sono mai “durate” tanto, io sono la più longeva”. Sul suo contratto poi spiega: “Non nascondiamoci dietro un dito, anche il valore economico dell’eventuale mancato rinnovo del contratto con la Rai mi peserebbe”. Cosa avranno in serbo i dirigenti Rai per la conduttrice?

Photo Credits Twitter

Comments

commenti