Sanremo 2017, inaugurata Casa Sanremo con Elisabetta Gregoraci [FOTO]

Casa Sanremo è tornato per il decimo anno ad accompagnare il Festival di Sanremo e quest’anno in una doppia location al Palafiori e Villa Ormond. Il taglio del nastro è avvenuto domenica 5 febbraio alle ore 18.00 con Elisabetta Gregoraci…

Casa Sanremo Limoni Beauty Lounge, l’hospitality del Festival di Sanremo 2017 (e non solo) realizzata dal Gruppo Eventi, ha aperto le porte della decima edizione. Come madrina d’eccezione per il decimo compleanno c’è stata la showgirl Elisabetta Gregoraci: a tagliare con lei il nastro il patron di Casa Sanremo Vincenzo Russolillo, l’assessore al Turismo della Regione Liguria Giovanni Berrino, il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, Mauro Marino, noto conduttore radiofonico che Beppe Cuva, Responsabile eventi radio e showcase Radio 105 e Radio Monte Carlo (in fondo all’articolo trovate le foto dell’evento).

Casa Sanremo sarà accessibile dal 5 all’11 febbraio al Palafiori e Villa Ormond: due location per festeggiare il decennale con oltre 350 eventi in programma ed intrattenimento no stop. Periodo fortunato per Elisabetta che qualche tempo fa ha fatto la sua prima prova d’attrice come protagonista del film Mata Hari diretto da Rossana Patrizia Siclari e prodotto da Stemo Production e Melina Productions.: “Avendo, in passato, fatto sempre televisione avevo un po’ di paura a vestire i panni di una donna così ricca di sfaccettature. Ma, per fortuna, è andato tutto nel migliore dei modi, grazie a una squadra di professionisti di primo livello che mi ha supportato in ogni momento sul set”.

La Gregoraci potrebbe incontrare anche Gigi D’Alessio che a quanto pare in futuro sarà un suo collega: secondo alcuni rumors sembra che proprio che una volta finita la kermesse canora il cantante sarà il nuovo conduttore di Made in Sud su Rai 2 al posto di Gigi e Ross.

_DEG8933

D75_1178

DSCF9311-2 (1)

LEGGI ANCHE: ELISABETTA GREGORACI DIVENTA MATA HARI, FAMIGLIA E AMICI AL SUO FIANCO PER LA PRIMA PROVA D’ATTRICE [FOTO]

Photo Credits Ufficio Stampa

Comments

commenti